ProgEco Natura
ProgEco Natura
DONA PER LA NATURA

Norbert Happ, il più noto esperto di cinghiali in Germania, cacciatore, afferma, a proposito dei danni arrecati dai cinghiali all’agricoltura: “I rapporti sociali disordinati nelle popolazioni di cinghiali con riproduzione incontrollabile sono da imputare esclusivamente all’esercizio venatorio”.  Anche il prof. Josef H. Reichholf, Direttore della Divisione Vertebrati della collezione zoologica di Monaco di Baviera e docente di Biologia e Conservazione della Natura nelle due Università di Monaco, ritiene che quando in un territorio vengono uccisi molti animali mediante la caccia, che avviene soprattutto in autunno ed in inverno, i sopravvissuti hanno un migliore apporto nutritivo.

“Gli animali così rinforzati si riproducono in primavera più presto e con maggior numero di discendenti”. Secondo lo scienziato, attraverso la caccia le specie animali che sono già rare divengono ancora più rare, e quelle che sono comuni diventano ancora più comuni.

Perchè dunque a Trieste si continua a sparare ai cinghiali, contro ogni evidenza scientifica e storica di errore? Perchè si è scelta direttamente la via dell’abbattimento, senza preoccuparsi di risolvere il problema in  modo non cruento come previsto dalla legge? quali e quante altre soluzioni sono state proposte prima dell’ ordinanza di abbattimento?su quali basi scientifiche si afferma che i cinghiali “sono troppi” ?

Inoltre, l’ordinanza del Sindaco di Trieste, che vieta di dar da mangiare ai cinghiali, non tiene in considerazione il fatto che invece foraggiare gli animali sull’altopiano (ad una certa distanza dalle aree abitate) potrebbe essere utile per evitare l’irruzione degli stessi nei centri abitati?

I Commenti sono chiusi